Alle celebrazioni dell’eccidio di Montesole.

il

«Questa è memoria di sangue, di fuoco, di martirio, del più vile sterminio di popolo, voluto dai nazisti di von Kesselring, e dai loro soldati di ventura, dell’ultima servitù di Salò, per ritorcere azioni di guerra partigiana.»Niente meglio dell’epigrafe di Salvatore Quasimodo, sulla collina di Miana che sovrasta Marzabotto, racconta l’eccidio di Monte Sole.Per quello è un dovere oggi essere qui a commemorare dopo 76 anni quei 1830 morti per mano dei nazisti e fascisti in tempo di guerra.

Regione Emilia RomagnaGiuseppe ProvenzanoValentina Cuppi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...