28 anni dopo.

il

La ragazza nella foto si chiama Emanuela Loi. Il 19 luglio di 28 anni fa, mentre molti suoi concittadini erano al mare a godersi quel sole speciale che solo Palermo e la Sicilia sanno avere, era in via d’Amelio a fare il suo lavoro: quello di proteggere una persona che tentava di correggere un mondo sbagliato: Paolo Borsellino.Emanuela è stata la prima donna a far parte di una scorta e anche la prima donna della Polizia di Stato a cadere in servizio. Pensando a lei e ai suoi colleghi della scorta Agostino, Vincenzo, Walter e Claudio mi vengono in mente le parole della figlia di Paolo Borsellino: “mio padre è morto con il sorriso, quel sorriso ironico che lo aveva accompagnato per gran parte della sua vita e che ci ha voluto lasciare perché, come amava dire, “è bello morire per gli ideali in cui si crede”Cara Emanuela quando vedo quell’ulivo che ora è lì in via d’Amelio a simboleggiare la pace, penso a voi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...